Il camoscio, simbolo delle Alpi

Stretto parente dell’antilope, il camoscio è snello. Ed è fatto per le montagne. Una silhouette sportiva ed elegante, con prestazioni straordinarie.

Contenuto

1 Riconoscerlo
1.1 Le corna del camoscio e la sua età
1.2 Le sue ghiandole retrostali
1.3 I suoi denti
1.4 Camoscio o stambecchi?
2 Immagini di camosci
3 È nato per la salita!
3.1 Il Suo cuore
3.2 Dove vive il camoscio?
4 Come osservarlo?
5 Qual è la sua dieta?
5.1 Il bezoard, la cacca di camoscio
6 Qual è la femmina del camoscio?
6.1 Quando nasce il camoscio?
6.2 Qual è il nome del cucciolo di camoscio?
7 Camosci, pelle di camoscio
8 Per saperne di più
8.1 Natura e animali, dai un’occhiata ai nostri articoli:
Riconoscerlo
Il camoscio (Rupicapra rupicapra) è una specie di mammiferi della famiglia dei bovidi (mammiferi ruminanti ed erbivori) e della sottofamiglia delle capre che comprende anche pecore e stambecchi.

Il camoscio è il più piccolo rappresentante dei caprini: 110 a 130 cm di lunghezza, per 70-80 cm al guinzaglio, e un peso leggero, tra i 40 ei 50 kg. Un peso che varia notevolmente a seconda della stagione: alla fine dell’inverno, il camoscio pesa solo la metà del suo peso.
Ma in ogni stagione, questo parente stretto dell’antilope può essere riconosciuto dalla sua silhouette molto più sottile rispetto, ad esempio, allo stambecco. E ha i capelli marrone-tawny in estate, con una striscia nera sulla schiena, che spara marrone nerastro in inverno.

Le corna del camoscio e la sua età
Le sue corna sono caratteristiche: da un ebano nero, escono dall’osso frontale verticalmente sulla sua testa, con l’estremità a forma di gancio all’indietro. Corni lunghi 15 centimetri e del peso di 70 grammi (in confronto, le corna dello stambecco pesano da 3 a 6 chili).

Le corna del camoscio sono per tutta la vita: crescono dalla nascita e sono visibili dal secondo mese. La crescita del corno è più alta nel secondo anno, per poi stabilizzarsi a uno o tre millimetri all’anno.

Le corna del camoscio distinguono il maschio dalla femmina: questo ha l’osso frontale più pronunciato e il gancio alla fine più accentuato. E sono un’indicazione della sua età, a seconda del numero dei loro anelli di corno.

Le sue ghiandole retrocornali
Dietro ogni corno, il maschio ha una ghiandola retromanale: queste due ghiandole ormonali delle dimensioni di una noce, servono a segnare il suo territorio in solco: alberi, cespugli e rocce hanno poi un odore leggermente muschiato!

I suoi denti
Come gli esseri umani, questo animale ha denti da latte e poi i suoi denti finali: 32 denti, tra cui otto incisivi, dodici premolar e dodici molari. Ok, non ha bisogno di dentifricio.

Camimo o stamfaro?
A volte sono confusi. Per distinguerli, guarda la loro testa: la testa del camoscio è limpida e la gola con due lunghe strisce scure dalla parte superiore della testa al muso, quella dello stambecco è marrone.

Anche le loro silhouette sono diverse: il camoscio è più sottile e snello, lo stabex è più stoccato e molto più pesante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *