Limoncello: dite no alle contraffazioni, fatelo da soli

Il suo aroma limone, il suo sentore piccante, questo sapore leggermente dolce. E anche il suo colore giallo neon: è l’Italia sulle tue papille gustative. Per dannarsi! Crea il limoncello da solo: ti sentirai sulla costa amalfitana!

Contenuto

1 Limoncello, un aperitivista italiano
2 Come fare limoncello fatto in casa?
2.1 Limoncello, è tutto nei suoi limoni
2.2 Quanto alcol è il limoncello?
2.2.1 Limoncello, alcool puro a 95 gradi
2.2.2 Fare limoncello con alcool a 90 gradi
2.2.3 Fare limoncello con alcool di frutta o alcool a 40 gradi
2.3 Limoncello, acqua e zucchero
3 La vera ricetta italiana per il limoncello
4 Il miglior limoncello d’Italia: gli errori che non dovresti fare
4.1 Come viene utilizzato il limoncello?
5 Limoncello, quando servirlo?
6 Fare limoncello fatto in casa e tenerlo?
7 Limoncello, in sorbetto
8 Limoncello, pasticceria
9 Dove trovare un buon limoncello?
10 Per saperne di più
10.1 Altri articoli relativi a cibo, patrimonio e cucina:
Limoncello, un aperitista italiano
A chi dovremmo dire grazie? Ai pescatori che avevano trovato il nettare per rinvigorire se stessi in mare? Ai monaci che avrebbero inseguito le sirene, ma hanno mantenuto il segreto del loro drink? O Maria Antonia Farace, la donna di Capri il cui nipote capì che il limoncello di sua nonna sarebbe stato un peccato succoso.

Il Limoncello è con l’espresso, l’altro know-how inimitabile made in Italy. Nonostante le “Indicazioni geografiche protette”, le contraffazioni stanno andando bene. Invece, imparare a farlo per te stesso.
Come fare limoncello fatto in casa?
Limoncello, è tutto nei suoi limoni
Niente limoncello senza limoncello provenienti dalla costa amalfitana: lì, sui cinquanta chilometri di costa classificati “Patrimonio mondiale dell’Unesco” tra Amafi e Sorrento, i limoni (e gli aranci) vengono coltivati sotto pergolati di paglia in terrazze al riparo dal vento e dall’ondata di calore, e raccolte a mano. Limoni non trattati, va da sé.

Se vivete nel sud-est della Francia, non avrete problemi a trovarli. E sei doppiamente fortunato: se non hai quei preziosi limoni del Giardino Italiano dell’Eden, Mentone, per il limone, va bene anche.

In caso contrario, scegliere il mosto limone: sempre biologico, perché è la buccia del limone che va nella realizzazione di limoncello.
Quanto alcol è il limoncello?
Limoncello, alcool puro a 95 gradi
In Italia, l’alcol puro a 95 gradi è facilmente reperibile: non in Francia. Ci sono due opzioni: fare un viaggio in Italia o riportarlo a voi.

Fare limoncello con alcool a 90 gradi
Fate attenzione, lo vediamo in alcune ricette inaffidabili, ma l’alcol a 90 gradi dalle nostre farmacie è inadatto per il consumo.

Fare limoncello con alcool di frutta o alcool a 40 gradi
Puoi anche optare per l’alcol da frutta (a 40 gradi) e adattare la ricetta: è un po ‘meno buono, ma se lo fai bene nessuno ti biasimerà per il tuo limoncello.

Limoncello, acqua e zucchero
Hai bisogno di acqua: per un litro di alcol a 95 gradi, conta poco più di un litro (1, 3 litri) per il limoncello a 45 gradi, che è un buon grado di alcol per un liquore.

Con l’alcool della frutta, non sarà necessario ridurre il livello di alcol: lasciare mezzo bicchiere d’acqua per sciogliere lo zucchero.

La quantità di zucchero dipende anche dal grado di alcol e dalla corrispondente quantità di acqua: conta 400 gr per un limoncello a base di alcol a 95 gradi, 250 grammi per un limoncello a base di alcool.

La vera ricetta italiana per il limoncello
Per fare il limoncello secondo la vera ricetta italiana, fate questo:

Lavare i limoni e rimuovere la corteccia con un parsimonioso, facendo attenzione a non prendere il bianco con, che renderebbe il vostro limoncello amaro. Se necessario, tagliare di nuovo questi pezzi di corteccia a strisce.

Macerare queste fette di buccia di limone per un mese nell’alcool, raffreddare e lontano dalla (importante) luce. Mescolare questo macerato regolarmente, in modo che gli aromi si diffondano bene: l’alcol sostituisce gradualmente l’acqua dai pori del limone.

Alla fine di questo mese di macerazione, filtrare l’alcol. Ora preparare uno sciroppo di zucchero, bollendo lo zucchero e l’acqua fino a quando lo zucchero è completamente sciolto. Lasciar raffreddare e mescolare lo sciroppo e l’alcol.

Tutto quello che dovete fare è versare in una bottiglia, che si lascerà riposare per circa dieci giorni prima del consumo. Servire fresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *